La commedia dell'arte

La tradizione giullaresca motore del nuovo teatro

Colombina

Il teatro a partire dalla seconda metà del Cinquecento inizia ad affiancare alla consueta produzione letteraria un’attività che si concentra non più sul testo, ma sul ruolo dell’attore e sulle sue capacità di spettacolarizzare la scena. Fondamentale non è più l’opera, ma la ricezione del pubblico secondo un’impostazione quasi filologica che riappropria il termine teatro della sua antica radice theanomai ovvero guardare. Questa tipologia di spettacolo prende il nome di “commedia dell’arte” e si riallaccia alla tradizione giullaresca medievale che faceva prevalere alla parola il gesto, creando un personaggio tipizzato e volutamente ai margini della società, che in essa si era ritagliato un ruolo ben determinato, ai bordi della consuetudine e per questo accettato in ogni esternazione.
Su questa strada di tipizzazione, di definizione di caratteristiche riconoscibili, si creano via via più stabilmente nel Seicento le maschere, ovvero tipologie comiche aventi da una parte suggestioni folkloriche, e dall’altra elementi tratti dalla sedimentazione letteraria di cui alcune tipologie umane provenienti dalla classicità (per esempio lo sciocco, il giovane innamorato, il servo ruffiano…).
Partendo da questi elementi, i comici dell’arte rendono fissi e perfettamente riconoscibili i tipi umani figurati anche grazie ad una rappresentazione scenica prestabilita che prevede, tra gli altri, Pantalone dei Bisognosi come mercante avaro e di parlata veneziana, il Dottore Balanzone prolifero di citazioni latine con sostrato dialettale, Arlecchino squisitamente multicolore.
Là dove le rappresentazioni restano immutabili è chiaro immaginare come tutto dipenda dalla bravura dell’attore le cui interpretazione e improvvisazione sono determinanti per l’apprezzamento del pubblico, specialmente in una dimensione priva di un testo definito. C’è da dire, infatti, che i commedianti dell’arte si muovevano su un canovaccio a cui aggiungevano, a seconda delle situazioni che abilmente andavano a improvvisare in scena, dialoghi e motti prestabiliti, soliloqui e scene comiche.

Il cambiamento goldoniano
Gli elementi tipici della commedia dell’arte come li abbiamo descritti, alla fine costituiscono il suo stesso limite: la tipizzazione umana diventa immobilità esacerbata dalla presenza delle maschere di cartapesta che annullano l’espressività degli attori; la comicità spesso scade in trivialità ed eccessivi dialettalismi.
Nel corso del Settecento rinnovato vigore a questa tipologia di rappresentazione si deve a Carlo Goldoni, veneziano, che nell’arco della propria vita persegue l’ideale di una vera e propria riforma teatrale. Due gli elementi di svolta: la definizione di un testo scritto a cui attenersi fedelmente e la restituzione dell’espressività dei protagonisti che, da meri tipi sclerotizzati , si trasformano in caratteri derivanti dall’attenta osservazione del mondo. Di qui l’intento didattico-morale del teatro goldoniano che ha nella rappresentazione della realtà e di chi la popola il suo soggetto principale, esplicato attraverso una verace comicità, lontana da qualsiasi dimensione eroica, ma reale, buffa, tragicomica nella sua rispondenza al vero tanto da essere definita dall’«Illuminismo popolano» (Valeri) perché vicina al sentimento di un’epoca che condivide a tutti i livelli sociali una profonda fiducia nell’individuo e nel suo buon senso.

[Nell'immagine: Colombina, maschera tra le più antiche, è rappresentata da una giovane vestita con abito chiaro, cuffietta un po' di traverso e grembiule. L'arguzia nel risolvere intrighi e l'abilità nel cavarsi d'impiccio sono le sue caratteristiche salienti. ]

Tesi Correlate

  • La moderna Commedia dell'arte interpretata da Roberto Benigni

    Il caso cinematografico de La vita è bella porta la tesi di Elisa Serra ad analizzare lo humor e la percezione di esso a cavallo tra due nazioni tra loro lontane: Italia e America.
    Un ampio excursus cronologico ci permette di guardare alla figura di Roberto Benigni come interprete moderno della tradizione della Commedia dell’arte, divenuta preponderante nel nostro paese dopo le esportazioni cinquecentesche...»

Articolo Esterno

  • Goldoni scrittore a tutto tondo

    L'opera goldoniana, che ha visto mutare la concezione del teatro durante il '700, è il frutto di una lenta e progressiva maturazione teorica da parte dell'autore in parallelo alle contemporanee istanze europee. Da Molière al Muratori e a Voltaire, Goldoni nutre i propri scritti di ampi riferimenti letterari e classici oltre a operare una puntuale ricerca stilistica: le opere che scrive sono destinate...»

Condividi questa pagina